REGIONE MOLISE
XI Legislatura
Consiglio Regionale
Seduta del 6 febbraio 2018Deliberazione n° 23 ex verbale n. 4/2018
Legge regionale concernente <<Modifiche alla legge regionale 18 aprile 2014, n. 10, recante “Statuto della Regione Molise”>>. Seconda deliberazione. Approvazione.

Oggetto n.

1035
Presidenza del Presidente Vincenzo Cotugno
Consiglieri Segretari
Carmelo Parpiglia e Giuseppe Sabusco
L'anno 2018, il giorno 6 del mese di febbraio, si è riunito il Consiglio Regionale presso la sede di Via IV Novembre n° 87 in Campobasso, a seguito di convocazione n° 1114 del 01/29/2018 .
Consiglieri regionali nell'esercizio delle funzioni
Cavaliere NicolaFederico AntonioNiro Vincenzo
Ciocca SalvatoreFusco Perrella AngiolinaParpiglia Carmelo
Cotugno VincenzoIoffredi DomenicoPetraroia Michele
di Laura Frattura PaoloLattanzio NunziataRomagnuolo Nicola Eugenio
Di Nunzio DomenicoManzo PatriziaSabusco Giuseppe
Di Pietro CristianoMicone SalvatoreScarabeo Massimiliano
Facciolla VittorinoMonaco FilippoTotaro Francesco
Assessori, non consiglieri regionali, in carica

Nagni PierpaoloCarlo Veneziale
    Assiste il Dirigente: Pasquale Iammarino
IL CONSIGLIO REGIONALE

VISTO l’articolo 123 della Costituzione;

VISTA la proposta di legge regionale n. 180, di modificazione dello Statuto, a firma del consigliere regionale Vincenzo Niro, concernente «Modifiche alla legge regionale 18 aprile 2014, n. 10, recante “Statuto della Regione Molise”»;

UDITO il Presidente ricordare: UDITI gli interventi svolti in sede di discussione generale dai consiglieri Niro (esprime soddisfazione per il lavoro svolto, auspicando per il futuro il maturare di diversi convincimenti in ordine alla forma di governo regionale), Petraroia (annuncia voto favorevole, sostanzialmente condividendo le riflessioni del consigliere Niro);

UDITI gli interventi svolti in sede di dichiarazione di voto dai consiglieri Totaro (stigmatizza alcune delle disposizioni che si introdurrebbero con la legge all’esame reputandole incrementative dei costi della politica, chiede, anche a nome dei consiglieri Scarabeo e Manzo, che la votazione finale sull’intero testo avvenga per appello nominale e annuncia voto contrario) Ioffredi, Fusco Perrella (annuncia voto favorevole), Parpiglia, Manzo (annuncia voto contrario, anche a nome del gruppo politico di appartenenza), Lattanzio (dichiara di abbandonare l’Aula, reputando il dibattito in corso inquinato da strumentalizzazioni politiche), Ciocca (annuncia voto favorevole), dal Presidente della Giunta regionale (si dichiara deluso per l’orientamento assunto dal dibattito e condivide la proposta di votazione per appello nominale), Petraroia (ritiene opportune le modifiche contemplate dalla legge all’esame ai fini di una maggiore efficienza dell’attività istituzionale);

ATTESO che la votazione degli articoli di cui all’atto legislativo all’esame si è svolta come segue:

ATTESO che l’intero testo, dopo aver chiarito il Presidente il significato del SI e del NO, è votato per appello nominale come segue:

UDITO il Presidente, che proclama il seguente risultato della votazione:
a maggioranza assoluta dei suoi componenti, del che è dato atto espressamente dal Presidente,
DELIBERA

di approvare con seconda deliberazione la legge regionale di modificazione dello Statuto regionale concernente «MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 18 APRILE 2014, N. 10, RECANTE “STATUTO DELLA REGIONE MOLISE”», nel testo di seguito riportato:
Art. 1
(Modifiche all’articolo 4 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 4 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10 (Statuto della Regione Molise) è aggiunto il seguente comma: “3-bis. Le commissioni consiliari permanenti competenti per le materie di cui al presente articolo annualmente riferiscono al Consiglio regionale sullo stato dell’economia e del lavoro nella Regione. A tal fine in sessione comune sentono le rappresentanze delle categorie produttive di beni e servizi, le rappresentanze dei lavoratori dipendenti, dei lavoratori autonomi e delle professioni, le rappresentanze delle imprese, le rappresentanze delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di volontariato, nonché quelle del mondo dell’educazione, dell'istruzione universitaria e della formazione professionale. La relazione al Consiglio è pubblicata nel Bollettino ufficiale e nel sito istituzionale della Regione.”.
Art. 2
(Modifiche all’articolo 16 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 16, comma 2, lettera p), della legge regionale n. 10/2014 dopo la parola “indirizzi” aggiungere le parole “o direttive”.
Art. 3
(Modifiche all’articolo 18 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 18 della legge regionale n. 10/2014 sono apportate le seguenti modifiche:

Art. 4
(Modifica all’articolo 23 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 23, comma 1, della legge regionale n. 10/2014, dopo le parole “non festivo della”, la parola “seconda” è sostituita dalla parola “terza”.
Art. 5
(Modifiche all’articolo 28 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 28 della legge regionale n. 10/2014 sono apportate le seguenti modifiche:

Art. 6
(Modifiche all’articolo 34 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 34 della legge regionale n. 10/2014 sono apportate le seguenti modifiche:

Art. 7
(Inserimento dell’articolo 35-bis nella legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. Dopo l’articolo 35 della legge regionale n. 10/2014 è inserito il seguente:

“Art. 35-bis
Il Sottosegretario alla Presidenza

1. Il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale è nominato dal Presidente della Giunta regionale fra i consiglieri regionali. Al Sottosegretario non spetta alcuna indennità aggiuntiva per l’esercizio delle sue funzioni rispetto a quella già percepita per il ruolo di consigliere regionale.
2. Il Sottosegretario coadiuva il Presidente della Giunta regionale nello svolgimento dei compiti inerenti al suo mandato e, in particolare:

Art. 8
(Modifica all’articolo 57 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 57, comma 5, della legge regionale n. 10/2014, dopo le parole “approva con legge”, le parole “entro il 30 giugno di ogni anno” sono sostituite dalle parole “entro il 31 luglio di ogni anno”.
Art. 9
(Modifica all’articolo 58 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 58, comma 1, della legge regionale n. 10/2014, dopo le parole “è approvato con legge regionale”, le parole “entro il 30 giugno” sono sostituite dalle parole “entro il 31 luglio”.

Art. 10
(Modifica all’articolo 59 della legge regionale 18 aprile 2014, n. 10)

1. All’articolo 59, comma 2, della legge regionale n. 10/2014, dopo le parole “dura in carica”, la parola “tre” è sostituita dalla parola “cinque”.
Art. 11
(Entrata in vigore)

1. La presente legge di modifica statutaria entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione, conseguente alla promulgazione, nel Bollettino ufficiale della Regione.


[Per quanto non riportato si rimanda al resoconto agli atti]




Letto e approvato, viene sottoscritto come in appresso:


Il Presidente

del Consiglio Regionale

Vincenzo Cotugno

Consiglieri Segretari

Carmelo Parpiglia e Giuseppe Sabusco

Il Dirigente

Pasquale Iammarino